Share This:

Un vecchio motto popolare delle nostre parti dice “dove ne mangiano due ne mangiano quattro”. Riattualizziamo questo nostro detto che rievoca la solidarietà, il prendersi cura di chi è in difficoltà, e facciamo in modo che in ogni casa, in ogni famiglia ci sia qualcosa da mangiare sulle loro tavole.

Non abbiamo bisogno di inventarci niente in questo momento perché alle misure di sostegno alla famiglia in difficoltà, avevamo già pensato con il nostro progetto del PANE SOSPESO, un’iniziativa concreta già esistente sul nostro territorio. Da due anni il Pane SOSPESO sta esprimendo la sua efficacia ed ora deve andare avanti con maggior vigore per far fronte alle nuove emergenze di famiglie in stato di disagio socio economico, conseguente alla sospensione delle attività di molte aziende per effetto delle misure di contenimento alla pandemia in atto. Ora più che mai nessuno deve essere lasciato solo!

Mi rivolgo a te! Quando ti rechi nel tuo negozio di vicinato a fare la spesa, nel rispetto delle misure imposte dai decreti, lascia qualche spicciolo nel salvadanaio del PANE SOSPESO! Qualche spicciolo non comporta alcun sacrificio, ma la raccolta di tutti questi piccoli gesti di solidarietà aiuta a sostenere tante famiglie che oggi si vedono private anche delle prime necessità domestiche.

Nella nostra comunità la richiesta di bisogno si sta estendendo, aggiungendosi ai casi già seguiti dalle istituzioni territoriali competenti. Ad esse, più specificatamente ai Servizi sociali comunali, come di consueto, consegneremo in forma di voucher, la beneficenza raccolta nelle nostre cassettine esposte negli esercizi di vicinato che aderiscono al progetto, per la distribuzione alle famiglie bisognose. Il Coronavirus non sta sfidando solo la nostra salute ma anche tutto il nostro sistema economico e sociale. E la solidarietà in questo momento deve abitare in ciascuno di noi per superare insieme questo momento di crisi! Insieme ce la faremo!