Share This:

Da un’idea di Don Eligio Grimaldi e Salvatore Lenti è stato prodotto un Inno dedicato a San Ciro ad opera della famosa Banda Improvvisa di Giampiero Bigazzi e Orio Odori, i quali hanno voluto realizzare un CD contenente un brano in onore del Santo con all’interno una poesia scritta dal Gesuita grottagliese Padre Michele Ignazio D’Amuri. Inoltre nel CD è presente un altro brano contenente una recitazione di testi del Prof. Rosario Quaranta ad opera del regista Alfredo Traversa del Teatro della Fede, che ha condiviso l’idea. Il CD verrà presentato in prima nazionale Martedi 25 Gennaio 2011 nella Chiesa Madre di Grottaglie durante i festeggiamenti in onore del Santo Patrono.

Clicca su play e ascolta l’Inno in onore di San Ciro “PRUCISSIONE TI SANTU GGIRU”


https://www.medicipersanciro.org/wp-content/uploads/2015/01/Inno-San-Ciro.m4a     

 

 

PRUCISSIONE TI SANTU GGIRU

Èsse la prucissione
pi lli štrate t’lu paisu.
Quant’ è béddu santu Ggiru!

Lu Capitulu štè tuttu,
cu mmuzzétta paonazza,
fascia rossa e I’ermellinu.

Vurtagghjsi e tarantini,
martinisi e caštiddani
vònu rétu a santu Ggiru.

Vònu cu ntirtórci mmanu
e prïannu a lla scazata.
Faci friddu? ma… ccé face?

Ggiru è martiri putenti,
Ggiru è mieticu pietusu,
prutettore ti la gente.

Passa chjanu. Com’è béddu
santu Ggiru! Uécchj nciélo,
pare propriu ca triménte,

ca triménte li crištiani
affacciati a lli barcuni
e ca tice: «Siti bbuéni! »

Ogni lóggia, ogni barcone
scetta ncuéddu a santu Ggiru
fiuri e binidizïuni.

Santu Giru mò si ferma,
e ssi vota a nna casòdda.
Pircé Ggiru s’è fermatu?

Ccè mmaròre a quera casa!
Ddà štè grave nna piccènna,
e la mamma préa e chjance:
«Santu Ggì, fammi la grazia!
Grazia, grazia, santu Giru…»
Santu Ggiru la cunzòla.

Passa e vè la prucissione;
tutti tutti binidice
santu Giru glurïusu.

PROCESSIONE DI SAN CIRO

Esce la processione
per le strade del paese.
Quant’è bello San Ciro

Il Capitolo ci sta tutto
con mozzetta paonazza
fascia rossa ed ermellino

Grottagliesi e tarantini
martinesi e castellani
vanno dietro a San Ciro

vanno con torcetti in mano
pregando a piedi scalzi.
Fa freddo? Ma …..che fa?

Ciro è martire potente,
Ciro è medico pietoso
protettore della gente.

Passa piano. Com’è bello
San Ciro! Occhi verso il cielo,
sembra proprio che guarda

che guarda la gente
affacciata ai balconi
e che dice: «Siati buoni! »

ogni loggia, ogni balcone
butta addosso a San Ciro
fiori e benedizioni.

San Ciro ora si ferma,
e si gira verso una casetta.
Perché Ciro si è fermato?

Che amarezza in quella casa!
Lì è gravemente malata una bambina,
e la mamma prega e piange:
«San Ciro, fammi la grazia!
Grazia, grazia, San Ciro…..»
San Ciro la consola.

Passa e continua la processione
Tutti tutti benedice
San Ciro glorioso.

Artwork del CD

Stampa sul CD

Stampa sul CD

Copertina CD

Copertina CD