Share This:

Braceria paninoteca MAN VS FOOD di Delli Ponti Vincenzo

Braceria paninoteca MAN VS FOOD di Delli Ponti Vincenzo in via Cantone 4, JET MARKET di Gianpiero Donatello, in via Abruzzi 15, e il Supermercato DESPAR di Maggi Francesco, via Diaz angolo via Garibaldi, tutti questi esercizi commerciali di Grottaglie, sono le recentissime new entry nella rete del Pane sospeso, il progetto finalizzato alla promozione di una comunità solidale per dare un sostegno a famiglie che vivono condizioni di disagio economico e sociale

Jet Market di Gianpiero Donatello

“Questi tre esercizi commerciali-spiega Palma Cavallo, ideatrice e promotrice del progetto- hanno aderito all’iniziativa nei giorni scorsi e adesso espongono anche loro la locandina e la cassettina del Pane Sospeso.  I titolari sono giovani commercianti che hanno sentito parlare di questo progetto; è piaciuto e ci hanno contattato per entrare a far parte della rete. Mi ha colpito il loro entusiasmo e una forte motivazione a fare qualcosa per aiutare i più bisognosi. Sono certa che sapranno incoraggiare anche la raccolta fondi. Anche un panificio, un supermercato, un esercizio di vicinato possono diventare luogo ideale in cui innescare un processo di reciprocità e mettere in moto il circuito del dono”.

Supermercato Despar di Maggi Francesco

“Lungo il percorso- interviene il presidente dell’associazione Salvatore Lenti- qualche esercizio commerciale, pochissimi in verità, è uscito dal circuito, ma tante altre porte più motivate e sostenute da forti valori si sono aperte anche spontaneamente alla condivisione del nostro progetto di solidarietà sociale. Per questo vediamo l’ampliamento della rete come possibilità per dare sostegno ad un numero sempre maggiore di famiglie in difficoltà del territorio. La cultura del dono ha una dimensione relazionale, tra chi dona e chi riceve che rimane però anonimo, e può elaborare una modalità di comportamento legata alla solidarietà come scelta di vita. Per questo l’associazione per noi deve costituire un ambiente educativo e di trasmissione dei valori connessi al dono”